Avviso importante sulla S. Messa a Pisa

Come molti di Voi sapranno, specialmente quanti hanno partecipato alle ultime celebrazioni nella Chiesa di San Giorgio ai Tedeschi, le condizioni della medesima chiesa hanno progressivamente reso ardua la celebrazione secondo il Messale del 1962. Dopo aver messo in vendita l’immobile di cui la Chiesa fa parte (di proprietà dell’ospedale), è stato prima staccato il riscaldamento, poi ridotta la potenza dell’impianto elettrico, quindi (sei mesi fa) tagliata l’acqua. Circa dieci giorni fa, la luce è stata definitvament staccata, tanto che le ultime due SS. Messe sono state officiate con luci di fortuna (candele, per lo più), come si vede dalla foto che alleghiamo.

Grazie a Dio le nostre sollecitazioni sono state ascoltate e l’arcivescovo Benotto ha disposto il trasferimento della S. Messa in rito antico nella Chiesa di S. Apollonia, in via S. Apollonia, dietro a p.zza dei Cavalieri e vicino a Borgo Largo. Tuttavia, tale nuova sede attualmente necessita di alcuni adattamenti e in queste feste è occupata da alcuni eventi programmati già da tempo.
Di conseguenza, pur se con sommo dispiacere, dobbiamo comunicarVi che la S. Messa in rito antico resterà sospesa per tutto il periodo natalizioEpifania compresa, e riprenderà presso la Chiesa di S. Apollonia, sabato 11 gennaio, con il solito orario (ore 17.40 Rosario, ore 18 S.Messa) e cadenza (ogni sabato).Ricordiamo comunque che chi vorrà assistere durante queste feste alla S. Messa secondo l’antico Messale in diocesi di Pisa, sarà possibile recarsi a Bientina (qui trovate giorni e orari: http://coordinamentotoscano.blogspot.it/2013/11/bientina-le-celebrazioni-del-mese-di.html )
Vi avvisiamo anche che venerdì 10 gennaio, ore 21.15, presso i locali parrocchiali della chiesa di S. Antonio (ingresso da p.zza Vittorio Emanuele II) riprenderà il ciclo di catechesi di mons. Biagini dedicato ai libri dei Profeti.
Vi aspettiamo numerosi in S. Apollonia sabato 11 gennao e Vi preghiamo di diffondere queste notizie ad amici e conoscenti interessati, onde evitare che possano recarsi invano in S. Giorgio.
Nel frattempo, inviamo ancora a tutti quanti i nostri migliori auguri per un sereno Santo Natale e un buon anno nuovo

Lascia un commento